CITTADINI ATTIVI
sito ufficiale della libera associazione di liberi cittadini
CITTADINI ATTIVI per la democrazia e la giustizia
CITTADINI ATTIVI: SCRIVICI per dire la tuaPer ricevere le nostre comunicazioni

HOME PAGE

Home

Aggiungi ai preferiti

SOSTIENICI

Modalità di Sostegno

Modulo di Sostegno

VI SEGNALO

» COSTI SPRECHI E PRIVILEGI DELLA POLITICA

» EVASOPOLI

» ''E IO PAGO!'' - L'USO INSANO DEL PUBBLICO DENARO

» ETICA, MORALE E CORRUZIONE NELLA POLITICA

» IL 'LATO OSCURO' DEL PAESE ITALIA

» LA POLITICA ESTERA

» IN DIFESA DEL CITTADINO

» LA POSTA DEI NOSTRI SIMPATIZZANTI

PRESENTAZIONE

Finalità

Statuto

Organizzazione e sedi

NEWS

Editoriali e comunicati

Incontri ed eventi

Calendario
Incontri ed eventi

Rassegna stampa

Notizie dal territorio

DA VEDERE

Archivio foto

Archivio video

Links

CONTATTACI

Scrivici in e-mail

Iscriviti alla newsletter

PRENOTAZIONE AI CONVEGNI

Prenota il tuo posto

Verifica lo stato della richiesta

PER CONOSCERCI MEGLIO

Armando Della Bella

Girotondidelleidee

Mondo Giovani

Marco Bovo

Davide Gobbo

Meno Sprechi Meno Tasse

MODILAUT

Marco Travaglio

Democrazia e LegalitÓ

VISITA ANCHE

Presidenza della Repubblica

Senato della Repubblica

Camera della Repubblica

Comune di Padova

Provincia di Padova

Regione Veneto

Rassegna stampa del Senato

RICERCA

Archivio articoli

editoriale
incontri-eventi
rassegna stampa
archivio foto
archivio video

RICERCA AVANZATA



EDITORIALI E COMUNICATI

n. 1430 del 18/12/2007

TURCHIA : ATTACCO ALL'IRAQ VIOLA LEGGI INTERNAZIONALI MA TUTTO TACE

Nonostante i ripetuti appelli sia dell'Unione Europea sia della ComunitÓ internazionale, e giorni e giorni di trattativa - sia tra il governo regionale curdo e il governo turco che tra il governo di Baghdad e quello di Ankara - per scongiurare un attacco Turco nel Kurdistan Iracheno, eccolo arrivare puntuale.

Infatti, i cacciabombardieri turchi ieri per cinque ore hanno bombardato pi¨ di trenta villaggi nel profondo territorio del Kurdistan dell'Iraq, nelle zone di Balakayeti e Sidakan, uccidendo due donne e ferendo altre quattro persone in maniera grave.

Per fortuna la popolazione giÓ sentiva il fiato sul collo e aveva abbandonato i propri villaggi ricostruiti con molta fatica dopo la caduta del regime di Saddam.

Ormai era nell'aria. Infatti, venerdý il premier turco Recep Tayyip Erdogan aveva autorizzato l'esercito a lanciare un'offensiva contro le basi curde nell'Iraq settentrionale. Sabato notte, l'esercito turco l'ha preso in parola inviando i suoi caccia F16 a bombardare.

I dirigenti della Turchia "democratica", che si accinge a diventare un membro dell'Unione Europea, hanno violato il diritto internazionale oltrepassando il confine dell'Iraq.

Ricordiamoci che per le stesse violazioni commesse dal regime di Saddam occupando il Kuwait nel 1991, giustamente furono mobilitati pi¨ di trenta Paesi. Ora chi pensiamo che si mobiliti per la popolazione curda in balia di una potenza come quella turca, membro del Nato e militarmente uno dei Stati pi¨ potenti del Medio Oriente?

Nessuno, e come sempre vengono usati due pesi e due misure.


Shorsh Surme, giornalista curdo-iracheno corrispondente, in Italia, della TV satellitare curda


Paolo Tagliaro © 2003/04 - Tutti i diritti sono riservati