CITTADINI ATTIVI
sito ufficiale della libera associazione di liberi cittadini
CITTADINI ATTIVI per la democrazia e la giustizia
CITTADINI ATTIVI: SCRIVICI per dire la tuaPer ricevere le nostre comunicazioni

HOME PAGE

Home

Aggiungi ai preferiti

SOSTIENICI

Modalità di Sostegno

Modulo di Sostegno

VI SEGNALO

» COSTI SPRECHI E PRIVILEGI DELLA POLITICA

» EVASOPOLI

» ''E IO PAGO!'' - L'USO INSANO DEL PUBBLICO DENARO

» ETICA, MORALE E CORRUZIONE NELLA POLITICA

» IL 'LATO OSCURO' DEL PAESE ITALIA

» LA POLITICA ESTERA

» IN DIFESA DEL CITTADINO

» LA POSTA DEI NOSTRI SIMPATIZZANTI

PRESENTAZIONE

Finalità

Statuto

Organizzazione e sedi

NEWS

Editoriali e comunicati

Incontri ed eventi

Calendario
Incontri ed eventi

Rassegna stampa

Notizie dal territorio

DA VEDERE

Archivio foto

Archivio video

Links

CONTATTACI

Scrivici in e-mail

Iscriviti alla newsletter

PRENOTAZIONE AI CONVEGNI

Prenota il tuo posto

Verifica lo stato della richiesta

PER CONOSCERCI MEGLIO

Armando Della Bella

Girotondidelleidee

Mondo Giovani

Marco Bovo

Davide Gobbo

Meno Sprechi Meno Tasse

MODILAUT

Marco Travaglio

Democrazia e LegalitÓ

VISITA ANCHE

Presidenza della Repubblica

Senato della Repubblica

Camera della Repubblica

Comune di Padova

Provincia di Padova

Regione Veneto

Rassegna stampa del Senato

RICERCA

Archivio articoli

editoriale
incontri-eventi
rassegna stampa
archivio foto
archivio video

RICERCA AVANZATA



EDITORIALI E COMUNICATI

n. 1466 del 14/03/2008

CHIESA CRISTIANA IN IRAQ

Non Ŕ la prima volta che terroristi prendono di mira la comunitÓ cristiana in Iraq, per fomentare l'odio tra i Musulmani e i Cristiani che ormai convivono da secoli. L'uccisione dell'arcivescovo cattolico caldeo iracheno Faraj Rahho (foto) Ŕ stata presa con dolore dalla comunitÓ cristiana nella cittadina di Ankawa, nella provincia di Erbil, la capitale del Kurdistan dell'Iraq.

Doverosamente va ricordato che la chiesa caldea nacque nel 1551 quando alcuni vescovi e fedeli in contrasto con la pratica della successione ereditaria patriarcale (zio-nipote) in uso nella Chiesa dell'Est decisero di unirsi a Roma. La chiesa caldea Ŕ la pi¨ diffusa in Iraq (tra il 70 e l'80% dei cristiani sono caldei) ed Ŕ guidata dal patriarca Emmanuel III Delly nominato nel 2003 patriarca di Babilonia dei Caldei con sede a Baghdad.

La chiesa caldea Ŕ una chiesa cattolica di rito orientale che riconosce la suprema autoritÓ del Santo Padre. Dopo la caduta del regime di Saddam anche i cristiani sono stati il bersaglio sia dei integralisti sia dei reduci del vecchio regime. Infatti, nel Kurdistan c'Ŕ una massiccia presenza dei cristiani fuggiti da Baghdad e dal resto dell'Iraq per paura di essere uccisi dai terroristi o dai fanatici che oggi come oggi abbondano in paese.

In un'intervista che ho realizzato l'anno scorso ad Erbil, il padre Dawed Polis ha detto: "Gli arrivi delle famiglie cristiane verso il Kurdistan continua quotidianamente, e sia la chiesa e il governo regionale curdo facciamo fatica ad affrontare queste grosse ondate migratorie, specialmente quando si concentrano in un breve lasso di tempo". Parla Padre Dawed Polis, parroco della chiesta del martire Mar Karakus situato nel cuore del quartiere dollarawa ad Erbil.

Padre Yunus aggiunge "Certamente la regione del Kurdistan offre un livello di sicurezza molto differente da quello di Baghdad. Molti cristiani sono originari del Kurdistan ma da decenni ormai vivevano altrove, ed ora trovarsi in posti nuovi, magari in condizioni economiche sfavorevoli, non ne favorisce il radicamento veloce ed indolore. Molti di loro hanno dovuto fuggire in fretta, lasciando il lavoro, la casa, tutti i propri averi e ora devono ricominciare da capo, anche se sono stati accolti dalla popolazione qui in maniera civile e cordiale".

Conclude padre Dawed, dicendo "L'Occidente deve sapere che i Cristiani qui in Kurdistan, si sentono a casa loro, abbiamo la nostra scuola, le nostre chiese, le Tv locali e satellitare Al Ashtar che viene trasmessa proprio dalla cittÓ di Ankawa e che insieme alle TV curde trasmettono sia le messe di domenica sia le feste importanti come Santo Natale e Pasqua".


Shorsh Surme, giornalista curdo-iracheno corrispondente, in Italia, della TV satellitare curda


Paolo Tagliaro © 2003/04 - Tutti i diritti sono riservati