LO SPETTACOLO SI Č FATTO BOATO E LA NAUSEA MONTA CON RABBIA: TUTTA COLPA DI UN COMICO?
Di Riccardo Monaco (del 17/11/2007 @ 03:00:12, in Politica, linkato 1749 volte)

“Verrà l’inverno del nostro scontento…”: bella vero? Passatemi la battuta cari amici, con l’ammissione che non è roba nostra ma esce dal tenebroso “Riccardo III” di Shakespeare.

Ma perché dovremmo essere scontenti dell’inverno che è alle porte? Semplice, perché siamo condotti male, o se volete, amministrati male. Dove? Dall’alto, dal basso, da destra, da sinistra, il malgoverno è democraticamente trasversale e fa cartello, è un’attività autoreferente, chi vi è impegnato sa benissimo di appartenere ad una razza speciale come i gesuiti o gli astronauti e di conseguenza risponde solo a logiche interne al sistema. E ce li teniamo così come sono. Ma qualcosa, o qualcuno si sta muovendo: con un che di clamoroso, alcune settimane fa è sceso in piazza, prima a Bologna e poi facendo tappa proprio qui ad Este Beppe Grillo con il suo verbo “Reset” che fa spettacolo, come qualunque cosa che avvince, ma non è uno spettacolo.

Forte di un blog in rete fra i più visitati d’Europa, Grillo, dopo anni di lamentele contro i potenti, dopo i teatri (niente televisione, fu esiliato dalla RAI per le sue battute al vetriolo sui socialisti e non lo volle neanche la TV commerciale) e dopo gli spettacoli in piazza a denunciare scandali, ha scelto la piazza politica, o meglio dell’antipolitica. L’assunto è semplice: la politica nuoce ai cittadini e questi se ne devono riappropriare. Come dargli torto? Basterebbe ricordare che quattro o cinque regioni d’Italia sono completamente assoggettate alle mafie, situazione che nessun governo dall’Ottocento in poi è mai riuscito non dico a ribaltare, ma almeno rendere meno cruda nonostante parziali vittorie dello Stato.

Grillo spara a palle incatenate sulle storture e le mostruosità di un Paese grande, moderno e progredito, che si vorrebbe perfino democratico ma i cui abitanti oscillano fra l’imbolsimento, la rassegnazione e un oscuro male di vivere. E allora giù “grillate”. Ma già prima del Vaffa-day, gli addetti ai lavori dall’altra parte si sono aggrappati a due etichette che hanno tentato di cucire frettolosamente sulla schiena di Grillo, qualunquista e comico, comico qualunquista per liquidare il problema e per privarlo di credibilità.

Pennivendoli di scarso talento e politici fegatosi non lo hanno perdonato neanche questa volta, facendo finta di non vedere le piazze gremite dalla nausea popolare. Qualunquista? Ma Grillo parla solo di cose sulle quali è documentatissimo (ad Este, i cementifici) e non necessariamente i bond argentini o le tariffe telefoniche. Non è qualunquismo quello del linguaggio politichese che estenua con promesse mai mantenute e rimane per lo più incomprensibile?

Comico? Ma Grillo ha smesso da un pezzo di far ridere, i suoi attacchi sono serissimi e se vogliamo concedere qualcosa al palcoscenico, bé sì, i suoi paradossi e le sue iperboli fanno sogghignare, ma giusto per non piangere; un comico dovrebbe far divertire cioè secondo etimo, far andare di qua e di là, a spasso, magari fra le nuvole. Grillo tiene i piedi per terra e conduce chi lo segue nel dedalo di vicoli bui in cui ogni onore si è perso, dove accade di tutto, dove il potere si accoppia nei modi più imbarazzanti, senza pudore, dove malgoverno fa rima con malaffare. Anche se non pare (eccola, la rima).

Comico, dite?

( da "Celeste", ottobre 2007)