Immagine
 ...... di Cittadini Attivi
 
"
Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea

Oscar Wilde
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Armando Della Bella (del 20/08/2013 @ 18:48:31, in Sanità, linkato 1840 volte)

Si attesta a circa 35.000 milioni di euro il previsto taglio al Fondo Sanitario Nazionale nel triennio 2012 – 2015, una scelta quanto mai opinabile perché pochi sanno che la Sanità è un settore in grado di produrre oltre l’11% del PIL nazionale, assorbendone solo il 7,1%. L’Italia continua ad essere uno tra i Paesi europei che meno investe nella prevenzione, nonostante sia ormai noto a tutti che la prevenzione è la miglior soluzione per potersi garantire un SSN sostenibile.

La sensazione vissuta dai cittadini è quella di una progressiva erosione del SSN a tutto vantaggio del servizio privato che diventa sempre più concorrenziale causa il progressivo ed inarrestabile aumento dei ticket sanitari. Oggi ai cittadini si chiede sempre più di sostenere con le proprie tasche le spese per la cura della propria persona, è un continuo sacrificio non più sostenibile per lungo tempo. Oggi la gente non ha più soldi per pagare il doppio ticket su visite ed esami e quindi sempre più persone scelgono di non curarsi più.

L’allarme arriva dal calo delle prestazioni ambulatoriali che, ad esempio, nell’ultimo anno, nella regione Veneto si sono ridotte di circa 2.300.000 unità passando dalle 71.068.250 del 2011 alle 68.792.023 del 2012 e l’incasso del ticket è diminuito di ben 20 milioni di euro, passando dai 198.461.502 euro del 2011 ai 178.433.861 euro del 2012. Inoltre il CUP dell’Azienda Ospedaliera di Padova ha perso circa il 30% delle prenotazioni. Quanto detto non è indice di un diffuso benessere o di uno stato di salute generalizzato più che ottimale, ma di una progressiva regressione della prevenzione sanitaria. Spesso le persone che vivono di salario o di stipendio faticano a pagare il doppio ticket e quindi rinunciano ad andare dal medico o si rivolgono al privato dove tante prestazioni costano meno. Gli unici soggetti che continuano ad usufruire del SSN sono gli anziani ed i cassaintegrati perché sono categorie entrambe esentate dal pagamento del ticket. E’ drammatico oggi constatare che le gente non si cura più perché non ha il denaro per farlo. La conseguenza è che le prestazioni mediche offerte dagli ambulatori aperti dalle associazioni di volontariato caritatevole sono aumentate, nel 2012, del 200% e quando queste non sono più sufficienti spesso il cittadino oggi, piuttosto che pagare, si fa ricoverare in ospedale, intasando così corsie già super affollate.

Di fronte a questo quadro, diviene quindi molto importante restituire ai cittadini il diritto alla salute, dando subito applicazione agli impegni contenuti all’interno del recente decreto Balduzzi relativi al riordino dell’assistenza territoriale, con particolare riguardo alla nuova organizzazione dei servizi territoriali di assistenza primaria. Ed è proprio su questa strada che, recentemente la Regione Veneto si sta muovendo nell’ottica di dare attuazione ad una vera “spending review” nella sanità. A partire dal primo di settembre, tutte le strutture sanitarie della Regione Veneto saranno aperte dalle ore 20 alle ore 24, fine settimana e festivi compresi. Così facendo, sarà più facile accedere alle visite con maggiore libertà, senza chiedere permessi al lavoro; una novità importante specie per chi deve assistere una persona disabile o anziana.

I servizi concessi saranno quelli ambulatoriali, soprattutto radiologici, la cosiddetta diagnostica da grandi macchine. Così facendo si potranno sfruttare ed ammortizzare al meglio i costosi macchinari (da milioni di euro) che spesso restano spenti per buona parte del giorno: in media funzionano solo 3-4 ore contro le potenziali 8-12 ore. L’obiettivo di questa scelta? La riduzione delle liste di attesa, oggi arrivate ad un tempo di attesa medio di circa 6/9 mesi, una vergogna per il cittadino che paga fior fiore di contributi alla sanità pubblica e non si vuole piegare al ricatto della visita a pagamento, subito disponibile a soli pochi giorni dalla richiesta.

Quanto si spera accadrà va nell’ottica di quanto noi CITTADINI ATTIVI da tempo chiediamo. Il nostro sostegno c’è.

 

Armando Della Bella
copyright © maggio 2013

 
Di Sergio Resente (del 06/04/2011 @ 12:53:00, in Sanità, linkato 3965 volte)


Ho contattato, telefonicamente, un paio di volte perché non credevo alle mie orecchie, il CUP di Padova, Azienda Ospedaliera per prenotare una visita: conoscendo il nostro decrepito sistema sanitario ero preparato a tempi lunghi, anche lunghissimi, per effettuare la visita (mi è successo di attendere anche 1 anno), ma non mi aspettavo che, semplicemente per avere un contatto con l’operatore dovessi attendere in linea “per non perdere la priorità” 1 ora e 15 minuti.

Qui a Padova, quindi, per solo per prenotare una visita che magari si farà fra 1 anno o 18 mesi, bisogna stare al telefono per più di un’ora.

Ma questa, a mio avviso, non è solo malasanità, questa è pura follia, è gestire in modo demenziale il rapporto fra l’Azienda Ospedaliera ed il cittadino, è sancire l’irresponsabilità e l’inadeguatezza degli amministratori di questa Azienda.
 
Di Cittadini Attivi (del 15/01/2011 @ 01:15:43, in Sanità, linkato 5246 volte)


Un milione di euro. Questa è la cifra che il dott. Adriano Cestrone, direttore dell’Azienda Ospedaliera di Padova, conta di poter recuperare da circa novecento madri, “colpevoli”, di aver pagato, tra il 2003 ed il 2010, solo il ticket sanitario, pari a 36 euro, quale corrispettivo al trattamento di fecondazione assistita. E proprio in questi giorni giunge, al domicilio delle interessate, il sollecito a pagare, retroattivamente, 400 euro, se la signora fu destinataria della tecnica “Fivet” (fecondazione in vitro), o 700 euro se alla paziente fu applicata la tecnica cosiddetta “Icsi” (fecondazione in vitro mediante iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo).

Se consideriamo che, spesso, di trattamenti se ne fanno più di uno prima di avere successo, ognuna di loro deve, in media, restituire circa 1.800 euro. Una bella differenza e un onere pesantissimo, specie di questi tempi, in cui le famiglie italiane soffrono le conseguenze dell’attuale crisi economica e finanziaria.

Vibrata sarà la nostra protesta verso le Autorità competenti perché fu la stessa Clinica Ostetrico-Ginecologica, diretta, nel periodo, dal prof. Antonio Ambrosini, che richiese, al tempo, solo il pagamento del ticket e non già gli oneri che, invece, una circolare interna dell’ospedale reclamava. L’applicabilità retroattiva è una prassi alquanto criticabile, specie se le persone erano tutte in buona fede. Ora sulle 900 povere ed ignare cittadine si scaricano le conseguenze dell’ennesimo episodio di mala gestione della Sanità Pubblica.
 
Di Maria Andropoli (del 02/06/2009 @ 22:47:51, in Sanità, linkato 1031 volte)

Dopo la buona notizia derivante dal recente recupero di circa 400 milioni di euro operato, dalla Regione Veneto, con l'accordo raggiunto in sede di conferenza delle Regioni e delle Province autonome sul ripartimento del fondo sanitario nazionale, ne arriva un’altra che invece offusca un po’ quella virtuosità di cui, da sempre, si fregia il Veneto e che riguarda la “Carta dei Servizi Asl”. Del caso si è occupato anche il movimento consumatori nell'ambito del progetto "SOS salute".

Si tratta di un documento esposto negli uffici “Relazioni con il Pubblico” e che contiene una sorta di patto tra gli enti che erogano servizi di pubblica utilità ed i cittadini. Questa “Carta dei Servizi” permette di conoscere l'organizzazione dell'azienda ospedaliera, le prestazioni offerte, le forme di assistenza, i reclami.

Le Asl purtroppo però, sull’argomento, non sono molto efficienti: 7 su 23 sono dotate di una versione cartacea, 6 hanno solo opuscoli informativi, 13 l'hanno inserita sul sito internet, 15 solo materiale informativo online. Soltanto Rovigo e Belluno hanno superato l'esame mentre Venezia è risultata la peggiore: possiede una carta dei servizi vecchia del 1989 nemmeno aggiornata in internet.

Anche altre realtà come Treviso, Vicenza, Bassano Del Grappa e Padova non possiedono una “Carta” stampata che tutti possano consultare, specie gli anziani. Perché non investire i fondi che eccedono nella cassa regionale della sanità per fornire la “Carta dei Servizi” a tutte le Asl aggiornandole e rendendo così più facile la vita a tutti gli utenti?

Intanto si pensa all’apertura, in Veneto, di un polo specializzato in malattie rare grazie ad un'intesa europea tra Veneto, Friuli, Carinzia e Slovenia. I cittadini partner potranno curarsi con oneri a carico della UE senza costi aggiuntivi. Viene messo in pratica il trattato di Schengen che permette ai pazienti di usufruire delle strutture ospedaliere comunitarie.

 
Pagine: 1
Ci sono  persone collegate

< aprile 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
         
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (5)
Consumatori (2)
Costituzione (1)
Diritti Civili (5)
Economia (2)
Editoriali (1)
Elezioni (2)
Giustizia (1)
Informazione (4)
Infrastrutture (1)
Lavoro (1)
Personaggi (1)
Politica (11)
Politica Estera (11)
Pubblica Amministrazione (3)
Questione Morale (8)
Salute (2)
Sanità (4)
Sicurezza (4)
Sociale (1)
Sprechi e Privilegi (8)
Trasporti (1)

Catalogati per mese:
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
https://followers-like.com
04/10/2018 @ 09:51:32
Di mina
_ialis
15/09/2018 @ 12:34:30
Di Dustin
Dopo aver autonomamente meditato e compi...
25/02/2018 @ 23:34:22
Di Umberto GATTO
great post.
13/01/2017 @ 09:08:56
Di instagram followers
At Instagram there are millions of accou...
13/01/2017 @ 09:06:26
Di followers-like.com

Titolo
Politica (5)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Rispetto al periodo di "Mani Pulite" di oltre quindi anni fa, ritieni che, oggi, nel nostro Paese, il livello di corruzione sia più o meno elevato?

 Sì, nettamente più elevato
 Sì, abbastanza più elevato
 Uguale
 No, leggermente inferiore
 No, decisamente inferiore
 Non esiste la corruzione
 La cosa non mi preoccupa
 Non so fare una valutazione

Titolo

Logo ufficiale

Petizione per l'abbattimento dei costi e dei privilegi della classe politica

Listening...Musica...

Reading...Libri...

 

Damiano Fusaro

Bernardo il figlio della luna

 

Oliviero Beha - Italiopoli

 

 

Carlo Manfio - Frammenti d'amore

 

 

Gian Antonio Stella, Sergio Rizzo - La Casta

 

Elio Veltri, Francesco Paola

Il Governo dei conflitti

 

Roberto Saviano

Gomorra. Viaggio nell'impero economico e nel sogno di dominio della camorra

 

Gianni Barbacetto, Peter Gomez, Marco Travaglio

Mani Sporche

 

Bruno Tinti - Toghe Rotte

 

Gian Antonio Stella - Avanti Popolo

Watching...Film... 

Al Gore - Una scomoda verità





23/04/2019 @ 6.36.10
script eseguito in 110 ms