Immagine
 Convegno organizzato alla sala "Fornace Carotta" (PD) il 14.1.2005... di Cittadini Attivi
 
"
Disapprovo quello che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo...

Voltaire
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Armando Della Bella (del 21/01/2009 @ 19:49:39, in Questione Morale, linkato 1637 volte)

La grande corruzione politica irrompe di nuovo sulla scena italiana e non si salva nessuno. Anche se attivo da pochi giorni soltanto, al sondaggio sulla corruzione, che abbiamo lanciato dal nostro sito, gli italiani hanno risposto, per oltre il 73%, che, secondo loro, oggi in Italia, il livello di corruzione è superiore a quello del periodo di “Mani Pulite”. Possibile che la “Politica” e le più alte cariche Istituzionali dello Stato non si rendano conto della situazione? Facile, se pensiamo che in Parlamento siedono 25 “eletti” con condanna passata in giudicato, 8 condannati in 1° grado, 10 prescritti e 40 inquisiti.

L'Alto Commissario Anticorruzione, nel suo ultimo rapporto annuale scrive che “...le politiche nazionali sembrano muoversi come se il rischio corruzione non rappresentasse più un problema...” mentre recenti studi ”...rendono l'immagine di un Paese nel quale è prassi comune il pagamento di tangenti nell'aggiudicazione degli appalti, nell'ottenimento di licenze edilizie, nella realizzazione di operazioni finanziarie ma anche nel superamento di esami universitari, nell'esercizio della professione medica, nel mondo del calcio...”. Un sistema “...profondamente radicato nei più diversi settori della vita politico-amministrativa ma anche nella società civile, nel mondo delle professioni, imprenditoriale e della finanza”. Che facciamo? Espatriamo? Cambiamo Paese? “Non ci resta che piangere..” direbbero Roberto Benigni ed il compianto Massimo Troisi.

Ma non finisce qui. 'Trasparency International', nelle sue graduatorie sulla corruzione, ci colloca al 55° posto nel mondo dopo paesi quali il Portorico, il Botswana, la Malesia, il Costa Rica...ricordando che, nel 1993, in piena Tangentopoli, l'Italia era al 30° posto e nel 2007 era già scesa al 41° posto!

Quanto più la corruzione è diffusa e praticata, tanto minori sono i rischi di essere denunciati o scoperti e, di conseguenza, più elevato è il costo, per il singolo, nel rimanere onesto. Una classe politica corrotta ha quindi oggi tutto l'interesse, per difendere sé stessa, che la corruzione si diffonda sempre più. Tanto più questa cultura della corruzione si diffonde, tanto più si allentano i vincoli morali di condanna della stessa. La “questione morale” oggi si trasforma in una “questione amorale” dove nelle coscienze si assottiglia sempre più il confine che separa ciò che è lecito da ciò che è illecito. Tombale la conclusione dell'Altro Commissario: ”...la corruzione si considera diffusa in modo capillare anche dopo 'mani pulite' e con tendenza addirittura ad accrescersi”.

Ma allora a cosa è servita l'operazione 'Mani Pulite'? A nulla sembrerebbe, se non, per quanto affermava Piercamillo Davigo, a migliorare, secondo la teoria di Darwin, la “specie” dei corruttori. La Banca Mondiale ha calcolato che la corruzione, oggi in Italia, vale 50 miliardi di euro l'anno (!), onere che non rimane in carico al corruttore ma si ripercuote, come ulteriore prelievo occulto, sulle tasche dei già dissanguati cittadini italiani. Se pensiamo poi che, al confronto, la recente manovra anti-crisi del Governo vale 5 miliardi di euro - cioè 10 volte meno! - ci rendiamo conto di quanto grave sia il fenomeno e quale giovamento sarebbe per il Paese, per i precari, per i pensionati, per gli indigenti, per gli ammalati, per chi è in difficoltà, per i disoccupati, per tutti gli italiani, se questo vorace cancro della società fosse definitivamente debellato. E si ventilava l'ipotesi di abolire le intercettazioni ambientali? Giù le mani. Guai a chi le tocca!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Maria Andropoli (del 20/01/2009 @ 19:37:33, in Consumatori, linkato 1281 volte)

Finalmente. Sembrava che il risultato tanto atteso fosse stato raggiunto, ma ancora una volta qualcosa è andato storto. Si sta parlando della “class action”. E’ lo straordinario strumento che permetterebbe ai consumatori di intentare cause collettive contro società che offrono beni o servizi (vedi il crac Parmalat con tantissimi consumatori che hanno perso i loro risparmi investiti nelle azioni della società). L’emendamento è già passato e dal primo gennaio 2009 sarebbe dovuto entrare in vigore, ma, come al solito, chissà per quale oscura ragione, c’è stato un rinvio.

Il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, ritiene che la legge così non va, perché pregiudicherebbe gli investimenti delle imprese a danno poi anche dei lavoratori. Il ministro per le Attività Produttive, Claudio Scajola, conferma che è giusto il risarcimento per il danno subito dai consumatori e che la legge è valida, ma bisogna rivederla con le parti interessate. Tutto questo poi nel momento in cui sta per partire la causa sostenuta da Altroconsumo contro i presunti responsabili del crac Parmalat.

Naturalmente le associazioni dei consumatori sono insorte contro questo ulteriore rinvio, giudicandolo senza quasi alcuna utilità. Anche CITTADINI ATTIVI si schiera con i consumatori, quindi a favore dell’entrata in vigore al più presto della legge, e chiede di evitare tutti questi inutili rinvii che pregiudicano la stessa credibilità dell’operato del Governo.

Bisogna ricordare che i cittadini sono l‘elemento fondamentale della realtà sociale, sono quelli che producono, che spendono, che investono, che risparmiano. Perché quando si tratta di proteggerli si mettono sempre i bastoni tra le ruote e si complica tutto? Inoltre fa riflettere che, in Europa, la “class action” sia applicata concretamente senza tanti problemi, mentre in Italia il governo ne parli, ne parli ma non l'emani mai. Forse sono troppi gli interessi che circolano intorno alle aziende da milioni di euro.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Maria Andropoli (del 19/01/2009 @ 19:24:39, in Pubblica Amministrazione, linkato 1471 volte)

Ci si affanna sempre a parlare tanto e male della Calabria, per la n’drangheta, in primis, e poi per tutti gli altri servizi che non vanno tra enti ed istituzioni. Non si può negare che ci siano molte cose che non funzionano, ma a quelle poche cose in regola non è dato il giusto riconoscimento. Parliamo della provincia di Cosenza.

In barba a tutto e tutti viaggia a gonfie vele, è il primo ente in Italia ad aver approvato, in anticipo sui tempi a disposizione, il bilancio di previsione dell’esercizio finanziario per il 2009 ed il bilancio pluriennale fino al 2011, raccogliendo la quasi totalità dei voti a favore. Il tutto svolto secondo le disposizioni ministeriali, come lo stesso presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, ha dichiarato. Tutto ciò fa essere la Provincia di Cosenza un ente sano e senza debiti fuori bilancio, che svolge le proprie competenze secondo legge e coscienza.

La conferma arriva anche dalla Corte dei Conti che le ha riconosciuto essere l’unica provincia calabrese ad avere i conti in ordine. Molti gli investimenti fatti in questi anni dalla giunta di Oliverio: edilizia pubblica, scuole, viabilità ed impianti sportivi. Altrettanti investimenti sono previsti a tutto campo nel prossimo triennio, dal turistico allo sport, passando per il sociale, e anche la nascita di un fondo provinciale per la prevenzione del fenomeno usura cui si vuole dedicare particolare attenzione.

Insomma una provincia che vuole fortemente crescere in positivo pur avendo poco aiuto sia dallo Stato, sia dalla Regione. Se questo è il risultato, è bene continuare su questa strada, poiché il gradimento riscosso dal presidente Oliverio, l’ha portato al terzo posto nel sondaggio “Governance Pool” del Sole24 Ore.

Ma la buona amministrazione non deve ruotare intorno alla fede politica, ma alla voglia ed alla forza di voler cambiare in meglio. La Calabria a questo punto è veramente soltanto n’drangheta e mafia? Quando si smetterà con questa etichetta appiccicata addosso ai buoni calabresi?

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Shorsh Surme (del 11/01/2009 @ 21:04:00, in Politica Estera, linkato 1185 volte)

Nel 2005, dopo 38 anni, il ritiro israeliano da Gaza aveva dato la speranza che la pace tra i due popoli potesse finalmente diventare una realtà, anche se lo stesso Israele era consapevole che era impossibile dialogare con Hamas, che nel suo statuto non parla di uno Stato palestinese ma bensì della distruzione totale d'Israele.

E' dal 1948 che questo popolo sfortunato, i Palestinesi, vengono sempre strumentalizzati dai Paesi della regione, in primis dai Paesi cosìdetti fratelli Arabi, che si sono sempre dichiarati paladini della questione palestinese, in realtà non hanno mai dato alcun appoggio, semmai hanno cercato di eliminarli.

Basti pensare al settembre nero, quando nel 1970 il Re hashemita Hussein di Giordania si mosse per reprimere un tentativo delle organizzazioni palestinesi di rovesciare la sua monarchia. L'attacco provocò pesanti perdite fra i civili palestinesi.

Il massacro al campo profughi di Tel al Zaatar, che conteneva 50000 profughi, fu compiuto dalla Siria nel 1976 e fu comandato dal generale baathista Hafez al Assad, che non aveva alcuna intenzione di assistere senza intervenire alla formazione di un governo arabo-palestinese fortemente aggressivo in un Paese come il Libano, che considerava parte integrante della propria sfera d'influenza.

Infatti, il primo giugno 1976 un corpo di spedizione, forte di ben diecimila soldati e duecentocinquanta blindati, passò la frontiera siro-libanese, il campo fu attaccato brutalmente, e gli assedianti impedirono l'ingresso nel campo di cibo e acqua e gli abitanti iniziarono a morire di fame e di sete.

Le posizioni assunte anche in questo momento dai Paesi arabi si comprendono alla luce dei contrasti e delle alleanze nel gioco della leadership nel mondo arabo.

Ora, una domanda mi sorge spontanea. Cosa vuole Hamas? La risposta potrebbe essere la guerra eterna. I bombardamenti israeliani in questi sette giorni hanno causato 470 morti, ma queste perdite dei civili innocenti sono sicuramente da attribuire ad Hamas.

Possiamo e dobbiamo essere critici con i metodi di bombardamenti deciso del governo isrealiano, ma si deve sempre partire dal presupposto che è stata Hamas a volere questo massacro. Hamas sa che per ogni missile al Qasam sparato sulle zone limitrofe e sui cittaddini civili Israeliani, Israele risponde con molti più missili. Quindi sono quelli di Hamas a volere la morte del loro popolo. Infatti, è straziante vedere i bimbi uccisi dai bombardamenti.

I dirigenti di Hamas devono sapere che l'unica strada percorribile è quella di pace e di dialogo diretto con lo Stato d'Israele e senza alcun intermediario.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Armando Della Bella (del 23/12/2008 @ 02:22:56, in Questione Morale, linkato 1235 volte)

Piove sul bagnato. “Governo ladro!” verrebbe spontaneo di dire. Ma non solo... Non solo la pioggia continua a cadere, giorno dopo giorno, in questo tormentato inverno inondando il nostro territorio ma incessantemente, dopo gli arresti che hanno decapitato la giunta regionale abruzzese, si susseguono gli arresti ed avvisi di garanzia in molte regioni d'Italia, dalla Campania allo stesso Abruzzo, dalla Toscana alla Basilicata, dalla Sicilia alla Calabria. Si salvi chi può!

Ed è un fuggi fuggi generale: l'elettorato che diserta, con una percentuale record del 50%, il voto regionale in Abruzzo dimostrando ancora una volta la sconfitta della “Politica” con l'ormai insanabile frattura creatasi tra il cittadino elettore ed una classe politica vecchia, oligarchica ed autoreferenziale non più rappresentativa del voto popolare; l'alleanza tra PD e Idv, che, dopo la recente sconfitta alle regionali dell'Abruzzo, viene ulteriormente compromessa dalle parole del direttore di Europa, quotidiano ufficiale del PD, Stefano Menichini: «È ora di rompere questa alleanza fasulla e suicida: subito e per sempre» che fanno seguito a quelle dell'on. Antonio Di Pietro: «Quei partiti che non sono né carne né pesce, che partecipano alle commissioni e che dicono "ma anche", alla fine vengono puniti» e dalla successiva ambigua dichiarazione dell'on. Paolo Gentiloni del PD che la mattina del 17.12, in diretta TV, afferma che il PD non ritiene che «...la soluzione ai problemi di discussione interna ai partiti sia la soluzione di partiti interamente personali, in cui il leader del partito, magari con il suo tesoriere accanto, controlla tutto, non si fanno congressi...tutto viene deciso da un signore che è il titolare del partito...» vicenda che trova il suo epilogo nell'autorizzazione concessa dall'Idv all'arresto del deputato lucano del PD, suo (ex?)alleato, Salvatore Margiotta la cui moglie era capo della squadra mobile di Potenza (!).

Sembrerebbe confermarsi sempre più l'idea che la collaborazione politica con l'Italia dei valori di Antonio Di Pietro si trasforma spesso in un crudele “abbraccio mortale”. Si pensi alle storie che hanno visto protagonisti, tra i molti, gli onorevoli Elio Veltri, Pietro Mennea, Federico Orlando, Giulietto Chiesa, Achille Occhetto, i senatori Franca Rame e Federica Rossi Gasparrini e last but not least l'on. Walter Veltroni.

Una bufera giudiziaria che investe non solo il PD, che appare ora come un pugile suonato incapace di difendersi e di capire quale strategia politica adottare, ma che da tempo ormai interessa tutta la “Casta”. Basti solo ricordare, quali più recenti esempi, quelli di Italo Bocchino (AN) e Renzo Lusetti (PD e Cristiano Di Pietro (Idv) a Napoli, fino ad arrivare alle più note vicende Lonardo/Mastella (Udeur), Previti/Dell'Utri (FI), Totò Cuffaro (Udc), Paride Martella (Idv, Presidente di Acqualatina e, al tempo, consigliere personale del ministro Antonio Di Pietro), Credieuronord (Lega nord).

Quale garantista da sempre, l'augurio è che tutti possano dimostrare la loro più completa innocenza. Osservo però, e ne ho dimostrazione, che oggi il livello del confronto politico è così talmente povero di contenuti e privo di spessore personale che, sempre più spesso, molti cacicchi utilizzano la via giudiziaria quale arma per annullare l'avversario politico intasando le già ingessate Procure di atti strumentali. Segno questo di un paese ormai in irreversibile declino sul piano della tanto conclamata “questione morale”.

Non spetta alla magistratura riformare la politica ma è la stessa politica che dovrebbe avere, al suo interno, gli anticorpi necessari per compiere tale opera di pulizia. Ma non sembra essere proprio così. Che pensare quando si arriva al punto che gli stessi partecipanti al recente concorso per entrare in Magistratura – essenza suprema esprimente i testimoni della legalità - utilizzano l'illegalità per farla franca?

Già la “questione morale”. Esoterica presenza, spesso invocata per tornaconto personale ma mai compiutamente praticata, inutile a sciogliere il “bostik” che “costringe” sia Rosa Russo Jervolino sia Antonio Bassolino a restare ostinatamente avvinghiati alle loro poltrone di sindaco di Napoli e governatore della regione Campania. Avrà certo le “mani pulite”, come la Jervolino dichiara, ma ad entrambi difetta quel senso di responsabilità oggettiva e “morale” che loro deriva dall'essere l'una sindaco di una giunta in ipotesi di corruzione e l'altro governatore di una regione soffocata dall'immondizia.

Alle luce di tutto ciò noi, CITTADINIATTIVI, rinnoviamo il nostro appello a giornalisti, intellettuali, professori, magistrati, avvocati, scrittori, professionisti ed altri affinché condividano con noi – scrivendo a info@cittadiniattivi.it – un progetto di formazione di una nuova classe ed identità politica, che superi gli schieramenti e le ideologie, proiettato alla costruzione di un futuro, per il nostro Paese, basato sulla riaffermazione di quei principi e valori di onestà, per il bene comune, al tempo fondanti la nostra fase costituente postbellica e nella riaffermazione del richiamo contenuto nell'art. 54 della nostra Costituzione dove si afferma che “I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore”.

Che dire di più? Nulla! Purtroppo il sarcastico Giulio Andreotti si sbagliava di grosso. Oggi, in Italia, il potere logora - e soprattutto corrompe – chi c'è l'ha!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Cittadini Attivi (del 22/12/2008 @ 02:29:09, in Questione Morale, linkato 1214 volte)

Luciano Violante, Ds, alla Camera dei deputati, il 28 febbraio 2002 così si espresse:

«Ieri l'onorevole Adornato ha ringraziato il presidente del nostro partito (Massimo D'Alema, ndr) per aver detto che non c'è un regime. Io sono d'accordo con Massimo D'Alema: non c'è un regime, sulla base dei nostri criteri. Però, cari amici e colleghi, se dovessi applicare i vostri criteri, quelli che avete applicato voi nella scorsa legislatura contro di noi che non avevamo fatto una legge sul conflitto d'interessi, non avevamo tolto le televisioni all'onorevole Berlusconi... Onorevole Anedda, la invito a consultare l'onorevole Berlusconi, perché lui sa per certo che gli è stata data la garanzia piena - non adesso, nel 1994 quando ci fu il cambio di governo - che non sarebbero state toccate le televisioni. Lo sa lui e lo sa l'onorevole Letta... A parte questo, la questione è un'altra. Voi ci avete accusato di regime nonostante non avessimo fatto il conflitto d'interessi (la legge sul conflitto d'interessi, ndr), avessimo dichiarato eleggibile Berlusconi nonostante le concessioni... Durante i governi di centrosinistra il fatturato di Mediaset è aumentato di 25 volte!».

Non desideriamo formulare un giudizio di merito. Siamo anche consapevoli che il gruppo Mediaset garantisce il lavoro a moltissime famiglie italiane. Quello che ci preme capire è se la credibilità è ancora un valore in politica e quale sia la coerenza morale che lega gli obiettivi politici confessati a Montecitorio e le promesse elettorali o gli impegni di programma spesso dichiarati con clamore in TV. Parafrasando il comico Maurizio Crozza, verrebbe da dire: “Non capiamo la relazione!”

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Maria Andropoli (del 20/12/2008 @ 02:32:04, in Trasporti, linkato 1978 volte)

L'Italia dovrebbe essere ormai un paese all'avanguardia, super tecnologico. Adesso è nata l'alta velocità. E' stata da poco inaugurata la prima tratta Milano-Bologna con la “Freccia Rossa”. Trenitalia è orgogliosa di questo importante traguardo raggiunto impiegando una ragguardevole cifra: circa 7 milioni di euro. Certo la facciata è un bel biglietto da visita, ma dov'è il problema?

Il Veneto paga circa 104 milioni di euro all'anno a Trenitalia, come afferma l'assessore ai trasporti Renato Chisso, quindi anche il servizio dovrebbe essere efficiente. Purtroppo non è così. I pendolari sono alla disperazione. Con il nuovo anno troveranno nuovi orari, aumenti sugli abbonamenti peraltro già in vigore, ma i ritardi sono da paura. Tutto questo si ripercuote sui lavoratori che giungono in ritardo sul posto di lavoro.

E poi lo Stato chiede di usare i mezzi pubblici! Inoltre con l'abbonamento all'Eurostar non si può usufruire dei treni regionali. Ma come è possibile che con un abbonamento di categoria più alta non si possa viaggiare su un treno di categoria più bassa?

Insomma il servizio regionale su rotaie non funziona per niente e l'amministratore di Trenitalia, Moretti, accusa la regione di non spendere per il servizio pubblico locale. La RFI (che è la società delle FS) dà a Trenitalia sempre più spazio per i treni superveloci a danno delle linee regionali e dei pendolari che devono adattarsi, non ricevere un servizio che è anche ben pagato. Non avendo poi Trenitalia altri concorrenti (ritiratisi dalla gara di appalto del 2005 la Connex e la City Pendeln) che potessero migliorare e sistemare il servizio pubblico, l'ha fatta da padrona.

Così, mentre la Milano–Bologna la si percorre in 65 minuti, la Vicenza–Venezia ha mezz'ora circa di ritardo alla partenza ed altrettanto all'arrivo se tutto va bene ed il treno non si ferma durante il percorso. Fate un po' voi i conti!

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

 

L'associazione "CITTADINI ATTIVI per la Democrazia e la Giustizia" di Padova, con il Patrocinio della Provincia di Padova e con il patrocinio del Comune di Padova - Assessorato alle Politiche Culturali e Spettacolo, organizza

VENERDI' 5 DICEMBRE 2008, ORE 20.30 presso la sala comunale FORNACE CAROTTA di PADOVA in via Siracusa 61 - zona Sacra Famiglia

un INCONTRO/DIBATTITO con (in ordine alfabetico):

* FERDINANDO IMPOSIMATO magistrato, avvocato penalista, Presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione, giudice istruttore dei più importanti casi di terrorismo, tra cui il rapimento di Aldo Moro (1978), l'attentato al papa Giovanni Paolo II (1981), l'omicidio del vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura Vittorio Bachelet, e dei giudici Riccardo Palma e Girolamo Tartaglione) autore di "Doveva morire. Chi ha ucciso Aldo Moro. Il racconto di un giudice" casa editrice CHIARELETTERE

* RITA PENNAROLA giornalista professionista dal 94, condirettore del “La Voce” dallo stesso anno e in precedenza caporedattore. A “La Voce” dal 1986. Premio Saint Vincent di giornalismo nel 2007 per l’inchiesta TELECOM-PLOTTO. Primo libro pubblicato: 1987 “Li fece maschio & femmina” editore Tullio Pironti, presentato da Domenico Rea. Autrice con Andrea Cinquegrani di libri d’inchiesta e di numerosi format televisivi

* FERRUCCIO PINOTTI dopo la maturità classica e la laurea in Scienze Politiche a Padova, ha conseguito il dottorato di ricerca in Relazioni Internazionali all'università di Padova; è stato visiting fellow all’università di Berkeley e professore di integrazione economica europea al Center of European Studies dell’università di Pennsylvania. Giornalista professionista, lavora a L'Arena, il giornale di Verona e collabora con il Corriere della Sera, l'Espresso e il Sole 24 Ore. Ha lavorato alla CNN-Financial News di New York e collaborato con l’International Herald Tribune. Premio Cronista 1999, Unci-Unione nazionale Cronisti Italiani. Premio Nazionale Unione Stampa Cattolica Italiana, 1998. Ha pubblicato vari saggi con Il Mulino e con Cedam. Ultimi libri: "Fratelli d'Italia" (Rizzoli-Bur, 2007) , e “Colletti Sporchi" (Rizzoli-Bur, 2008)

* IVAN SCALFAROTTO pescarese per nascita, foggiano per formazione e milanese per amore, laureato con lode in giurisprudenza, manager della Direzione Risorse Umane di una importante azienda di credito internazionale, ha lavorato a Londra e a Mosca, candidato nel 2006 alle primarie dell'Unione, è autore di un libro "Contro i perpetui" casa editrice "SAGGIATORE"

* LUCA TESCAROLI sostituto Procuratore Antimafia presso il Tribunale di Roma, nato a Lonigo nel 1965, si è occupato per molti anni delle indagini delle stragi di Capaci e di via Mariano D’Amelio, stragi che rubarono alla vita, e alla società civile, magistrati come Falcone e Borsellino, uomini che lui conobbe personalmente, con i quali lavorò e per i quali – per rendere loro giustizia – ha condotto indagini serrate per scovare i mandanti e gli esecutori del loro assassinio. «La memoria è una possibilità per capire, onorare ed andare avanti… scendendo alle radici di scelte personali che hanno segnato la nostra storia di siciliani ed italiani». Luca Tescaroli raccoglie in poco meno di 100 pagine de “Le voci dell’oblio” le ragioni di quelle “scelte personali” di lotta e sacrificio che spesso appaiono incomprensibili ed innaturali. Per capirle bisogna scoprire le motivazioni di fondo di uomini, non solo giudici come Falcone e Borsellino, che credevano e credono, davvero, nel primato della legge come strumento per mediare in modo civile i liberi rapporti sociali. ostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma. Oggi lavora alle indagini e segue il processo relativo all’omicidio di Roberto Calvi. E' autore di "Le voci dell'oblio" - casa editrice DI GIROLAMO e dell'ultimo libro “Colletti Sporchi” - casa editrice RIZZOLI

sul tema: POOL ANTIMAFIA, GIUDICI GIUSTIZIA E MORTE, TRAME E MISTERI, SERVIZI SEGRETI, LOGGE E MASSONERIA, INFORMAZIONE E TV, PARITA' E DIRITTI, STATO E MAFIA: QUALE ITALIA?…

presiede: ARMANDO DELLA BELLA, coordinatore di CITTADINI ATTIVI

moderatori: SANDRO BIANDA (giornalista, già direttore di testate giornalistiche, televisive e radiofoniche, conduce programmi su RADIO GAMMA5 e su FREE CHANNEL TV) e LORELLA MILIANI (giornalista, anchorwoman di CANALE ITALIA, conduce, sempre su CANALE ITALIA, il TG SERALE e la trasmissione "NOTIZIE OGGI")

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Armando Della Bella (del 30/11/2008 @ 02:42:49, in Questione Morale, linkato 1188 volte)

«Io non posso dirlo. Ma il precedente della Corte? Pecorella?». Questo il contenuto del messaggio, scritto sul bordo di una pagina di un quotidiano, che il Pd Nicola Latorre (foto) ha passato al Pdl Italo Bocchino, nel corso della trasmissione su La7 Omnibus, ospite anche il capogruppo Idv alla Camera, Massimo Donadi. «Che un rappresentante dell’opposizione, mio alleato, suggerisca ad un esponente della maggioranza come attaccarmi durante un dibattito televisivo è una rappresentazione visiva della politica del compromesso che mira solo all’esercizio del potere», così poi commentava Massimo Donadi. In sostanza Latorre aiuta chi non dovrebbe aiutare per mettere in difficoltà chi dovrebbe essergli alleato.

Non si sono ancora spente le luci sulla grave accusa di “tradimento” pronunciata da Walter Veltroni nei confronti di Antonio Di Pietro, ai microfoni di Fabio Fazio, che ora sull’altare della commissione di Vigilanza Rai si è consumato l’ennesimo tradimento politico tra Idv e Pd a conferma del ben noto detto popolare: “fratelli, coltelli”, evento sul quale il senatore Latorre, in una intervista al Corsera, non facendo mistero del suo dissenso verso l'Idv, ha calato una pietra tombale «Questo è un episodio che segna in maniera seria i rapporti con l'Idv», riferendosi alla reticenza dipietrista nel proporre una rosa di nomi alternativi ad Orlando per uscire dall'empasse, a cui fa da sponda Roberto Gualtieri, altro esponente del Pd, che invoca «una discussione sugli evidenti errori di conduzione della vicenda», indicandoli «nell'alleanza privilegiata con l'Idv».

Una “sceneggiata napoletana”, all'insegna della più sfacciata ipocrisia e menzogna, celebrata all’ormai famoso “teatrino della politica” che vede: due commissari di opposizione (si suppone dalemiani) votare per il presidente Riccardo Villari indicato dalla maggioranza, Italo Bocchino sorridere ed escludere l'esistenza di «qualsiasi pizzino, perche' Latorre ha soltanto preso una penna e un po' di carta per scrivere un suo appunto», Walter Veltroni annunciare che «Mi ha telefonato ora il senatore Villari, per comunicarmi che andrà dai presidenti di Camera e Senato per dimettersi», il neopresidente della commissione di palazzo San Macuto confermare, per più giorni, le sue immediate dimissioni qualora «maggioranza e opposizione giungessero ad un nome su cui far convergere i propri voti» salvo poi dichiarare: «Zavoli? Nessuno mi ha detto niente. Io non lascio, i partiti facciano un passo indietro. Serve un atto di coraggio», Antonio Di Pietro accusare a Ballarò Berlusconi di aver tentato di portare dalla sua parte, prima lui, poi Leoluca Orlando, e per ultimo il presidente Villari: «Berlusconi? È un grande corruttore politico», al quale replica lo stesso Berlusconi: «Villari non lo conosco, non l'ho mai incontrato, a Orlando non ho mai proposto un appuntamento. Effettivamente a Di Pietro pensai nel '94 di proporre un ministero, ma allora non ero a conoscenza del fatto che da pm aveva messo in galera degli innocenti, persone poi neppure rinviate a giudizio. Avendolo conosciuto, ho rinunciato seduta stante a fargli la proposta. Di Pietro se dice queste cose deve andare dai magistrati a denunciarmi. Io lo denuncerò per calunnia», accuse rilanciate poi anche dal presidente Villari: «Di Pietro, pubblicamente davanti a tutti i mezzi di comunicazione, è passato alla diffamazione».

Inquietante poi l'utilizzo, in questa vicenda, del termine “pizzino”, parola che richiama alla mente la sempre sospettata connivenza tra politica e criminalità organizzata e il sospetto utilizzo, in politica, di metodologie affini a quelle di stampo mafioso.

Che dire? Il Paese subisce la recessione, è a crescita zero, il potere di acquisto di salari e stipendi si erode sempre più, gli investimenti hanno perso i due terzi del loro valore, l'industria è in crisi, i consumi calano, il lavoro è sempre più precario, la disoccupazione cresce e la classe politica si trastulla arroccandosi, con menzogne ed ipocrisia, su posizioni di principio, per più settimane, nella difesa di “poltrone” e relative prebende (!) come se il Paese non chiedesse altro, mettendosi così, sotto i piedi, la TV di Stato.

Prodi, in due anni, ebbe il suo bel daffare nel comporre le quotidiane divergente di una coalizione di centrosinistra composta da ben 9 partiti che “Unione” non si era mai rivelata tale. Ora la vicenda è indicativa del fatto che anche SOLO in due, nel centrosinistra, si litiga comunque, segno che, in realtà, al Paese sono proposte alleanze politiche il cui unico collante è l'opportunismo e non gli accordi di programma. Quando cessa l'opportunità, si sgretola l'alleanza.

Così Di Pietro fu eletto, in quota DS, nel collegio blindato del Mugello, così spesso si assume un atteggiamento di condiscendenza verso un partito più forte tradendo i propri elettori, così in politica si è disposti anche a “tagliare” la testa al proprio compagno di partito, reo, ad esempio, di non essere gradito al Sindaco del partito “alleato”, scambiando il tutto con il sostegno alla propria nomina al parlamento italiano. Una doppia verità per una doppia morale.

Si ha la sensazione di essere sul Titanic – il nostro Paese - che lentamente affonda e dove, sul ponte di comando, i partiti e la classe politica, incuranti delle emergenze, se le “suonano” di santa ragione. Un Paese che, lentamente, precipita dalle stelle alle stalle. E mai, come in questa occasione, si potrebbe perciò affermare che, di fronte alla farsa teatrale ora in scena al teatrino della politica, “...le "stalle" stanno a guardare...”.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8
Ci sono  persone collegate

< novembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (5)
Consumatori (2)
Costituzione (1)
Diritti Civili (5)
Economia (2)
Editoriali (1)
Elezioni (2)
Giustizia (1)
Informazione (4)
Infrastrutture (1)
Lavoro (1)
Personaggi (1)
Politica (11)
Politica Estera (11)
Pubblica Amministrazione (3)
Questione Morale (8)
Salute (2)
Sanità (4)
Sicurezza (4)
Sociale (1)
Sprechi e Privilegi (8)
Trasporti (1)

Catalogati per mese:
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Cialis
07/01/2020 @ 23:03:46
Di Barrett
Sono uno zoller domenicano uno stesso di...
11/10/2019 @ 02:08:17
Di dominique
https://followers-like.com
04/10/2018 @ 09:51:32
Di mina
_ialis
15/09/2018 @ 12:34:30
Di Dustin
Dopo aver autonomamente meditato e compi...
25/02/2018 @ 23:34:22
Di Umberto GATTO

Titolo
Politica (5)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Rispetto al periodo di "Mani Pulite" di oltre quindi anni fa, ritieni che, oggi, nel nostro Paese, il livello di corruzione sia più o meno elevato?

 Sì, nettamente più elevato
 Sì, abbastanza più elevato
 Uguale
 No, leggermente inferiore
 No, decisamente inferiore
 Non esiste la corruzione
 La cosa non mi preoccupa
 Non so fare una valutazione

Titolo

Logo ufficiale

Petizione per l'abbattimento dei costi e dei privilegi della classe politica

Listening...Musica...

Reading...Libri...

 

Damiano Fusaro

Bernardo il figlio della luna

 

Oliviero Beha - Italiopoli

 

 

Carlo Manfio - Frammenti d'amore

 

 

Gian Antonio Stella, Sergio Rizzo - La Casta

 

Elio Veltri, Francesco Paola

Il Governo dei conflitti

 

Roberto Saviano

Gomorra. Viaggio nell'impero economico e nel sogno di dominio della camorra

 

Gianni Barbacetto, Peter Gomez, Marco Travaglio

Mani Sporche

 

Bruno Tinti - Toghe Rotte

 

Gian Antonio Stella - Avanti Popolo

Watching...Film... 

Al Gore - Una scomoda verità





23/11/2020 @ 22.42.59
script eseguito in 109 ms