Immagine
 ...... di Cittadini Attivi
 
"
Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea

Oscar Wilde
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Maria Andropoli (del 09/07/2008 @ 17:43:58, in Salute, linkato 1146 volte)

Non è una novità che il servizio sanitario zoppichi da tanto tempo. Lo dimostrano i lunghissimi tempi di attesa per una prestazione, il timore che alberga nell’animo di ognuno di noi quando ha bisogno dei medici e gli spiacevoli episodi di incidenti, a volte anche mortali, che fanno perdere la fiducia in quello che dovrebbe essere il comparto a cui affidarsi in tutta tranquillità perché gli mettiamo in mano la nostra vita. C’è da fidarsi?

Proprio a questo proposito, la Regione Veneto vara un piano di sicurezza per i pazienti che sono curati negli ospedali o nei distretti sanitari e per le persone non autosufficienti curate nei centri servizi. La delibera è stata approvata dalla giunta regionale su proposta dell’assessore alla Sanità, Sandro Sandri.

La figura principale è il “Responsabile delle funzioni per la sicurezza del paziente”. Sarà presente in ogni struttura regionale e sarà avviato un piano di formazione per gli operatori redatto dall’Agenzia Regionale Socio Sanitaria che si occuperà anche di stilare un rapporto annuale sullo stato di sicurezza del Servizio Sanitario Regionale. Insomma pare che sia arrivato il momento della riscossa del Servizio Sanitario della Regione Veneto.

Se questa novità saprà essere sfruttata al meglio i benefici saranno maggiori soprattutto per i pazienti che finalmente potranno godere di un servizio che veramente funziona. Le strutture ci sono, facciamole lavorare, e rendiamo la salute, che è un diritto inviolabile di tutti, più sicura. E chissà che anche le altre regioni italiane possano seguirne l’esempio.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Shorsh Surme (del 14/05/2008 @ 00:43:27, in Politica Estera, linkato 1155 volte)

Dopo oltre quindici anni di guerra civile è di nuovo il tessuto unitario del Libano che è messo a dura prova con il golpe di Hezbollah, che è stato e tuttora aiutato sia dalla Siria sia dall'Iran. Infatti, la terra Libanese si è trasformato in una terra di conflitto tra Stati Uniti d'America , Siria, l'Iran e gli Hezbollah.  

Il governo Siriano non ha mai digerito il ritiro delle sue troppe del Libano che durava tre decenni. Da tempo molti paesi arabi, ed anche paesi non arabi, chiedono alla Siria di utilizzare la propria influenza in Libano per fare pressioni sugli Hezbollah di Hassan Nessrollah, con l’obiettivo di spingere quest’ultimo ad accettare le iniziative araba ed internazionali per risolvere la crisi libanese eleggendo un presidente per il Libano, costituendo un governo di unità nazionale e modificando la legge elettorale.

Da molti anni i vari gruppi politici e religiosi si accusano a vicenda di tradimento, di servire i paesi stranieri per destabilizzare il paese medio orientale. La situazione attuale in Libano non permette facili speranze. La crisi economica, sopratutto, attanaglia uno stato pesantemente indebitato. A livello politico è necessario responsabilizzare gli attuali partiti e gruppi politici del Libano perché prendano a cuore la pace del loro paese.

Come diceva uno dei maggiori intellettuali Libanesi Abdel Hamid Karamé: "Ogni comunità del Libano, quale che sia la sua importanza, rinunci definitivamente, e in parole, e per convenzione, all'idea di fare del Libano una patria per una sola comunità".

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Armando Della Bella (del 22/03/2008 @ 11:31:05, in Politica, linkato 1099 volte)

CITTADINI ATTIVI” E “UNIONE DEMOCRATICA CONSUMATORI” CORRONO INSIEME ALLE PROSSIME ELEZIONI POLITICHE 2008

 Cari Amici,

come coordinatore dell’associazione “CITTADINI ATTIVI” e coerentemente con quanto Vi anticipavo con la mia nota politica datata 16 febbraio 2008, dal titolo “YES, WE CAN TOO! Elezioni Politiche Nazionali - Perché non provarci?” che potete leggere in home-page sul sito www.cittadiniattivi.it e anche sul BLOG di CITTADINI ATTIVI (clicca qui per leggere LA NOTA ), Vi rendo noto  che la nostra associazione “CITTADINI ATTIVI per la Democrazia e la Giustizia”, domenica 2 marzo 2008, aveva depositato, a Roma, presso il Ministero dell’Interno, il proprio simbolo/logo onde poter partecipare alla prossima competizione elettorale nazionale per la Camera dei Deputati e per il Senato della Repubblica. 

Il Ministero dell’Interno, successivamente, aveva comunicato, martedì 4 marzo 2008, la validità del deposito del nostro simbolo. A questo punto “CITTADINI ATTIVI” entrava, a pieno titolo, nel ristretto novero delle identità politiche di questo nostro Paese unitamente a FI, PD, UDC, Sinistra Arcobaleno ed altre. L’evento è importantissimo perché costituisce precedente storico dal quale, da oggi in avanti, poter partire per un cammino sempre più proiettato verso il futuro. A quel punto “CITTADINI ATTIVI” si apprestava a predisporre le proprie liste dei candidati. 

Personalmente ritengo, concordemente a tanti di Voi, che sia importante dare concretezza politica a quanto di utile ed efficace in questi anni stiamo facendo e l’opportunità di potersi presentare alla competizione come Lista Civica Nazionale non affiliata a qualche partito ma composta di tanta brava gente, di persone perbene, di tutti i ceti sociali che, al di là del possesso di una tessera di partito, ritengono invece di poter contribuire con le proprie idee e buone intenzioni, in tutta onestà, a risollevare il nostro Paese dalla grave crisi che lo attanaglia, crisi che non è solo di tipo finanziario od economico ma è soprattutto crisi di identità, di classe politica ormai logora ed incapace di rinnovarsi e di mancanza di rappresentanza nelle istituzioni

Nei giorni a seguire l’”UNIONE DEMOCRATICA COSUMATORI” contattava “CITTADINI ATTIVI” e proponeva un accordo politico che contemplava la condivisione del programma politico e l’inserimento dei candidati di “CITTADINI ATTIVI” nelle liste, alla Camera ed al Senato, dell’UDConsumatori. 

La presenza di temi comuni alle due identità quali la difesa del Cittadino Consumatore, la riduzione dei costi, dei privilegi e degli sprechi della “CASTA” politica, l’assenza di candidati con tessera di partito, l’identità di Lista Civica Nazionale, la difesa dei più deboli, l’ambiente, la sicurezza, il precariato, il lavoro  e tanti altri rendeva sinergico, nell’interesse del CITTADINO, condividere questa proposta. 

CITTADINI ATTIVI si affianca così, in un patto federativo, ad altre sigle quali ADUSBEF, Lista Consumatori, CODACONS e tante altre identità con le quali condivide la tutela e l’attenzione verso il CITTADINO (ATTIVO) che è CONSUMATORE e verso il CONSUMATORE che è CITTADINO (ATTIVO). In questo contesto “CITTADINI ATTIVI” mantiene la propria identità di libera associazione di liberi cittadini sempre attenta alla riduzione dei costi, degli sprechi e dei privilegi di cui oggi gode la cosiddetta “CASTA” dei partiti mantenendosi sempre al servizio del libero CITTADINO di qualunque opinione politica esso sia. 

Vi invito quindi, con tutto il cuore, nell’interesse dei cittadini e della società civile, a SOSTENERE, alle prossime elezioni politiche, l’UNIONE DEMOCRATICA CONSUMATORI, proposta che rappresenta veramente l’unico evento “NUOVO” nello scenario politico italiano, non fosse altro per la scelta coraggiosa di candidare SOLO semplici cittadini e non esponenti di partito oltre che, ovviamente, incensurati.  

Questa lista non ha stretto accordi e/o alleanze con alcun partito ma corre da sola confidando nel voto di tutti quei cittadini che, stanchi delle solite promesse e delle solite manfrine preelettorali, desiderano veramente dare un segnale forte ed innovativo sostenendo una proposta politica che nasce dal basso come pura espressione della Società Civile

Per quanto mi riguarda, vi informo che sono candidato, unitamente a tanti altri nostri amici, alla Camera dei Deputati come capolista nelle due circoscrizioni del Veneto: Veneto1 composta dalle province di Verona, Vicenza, Padova e Rovigo e Veneto2 composta dalle province di Venezia, Treviso e Belluno. Sarò grato a tutti coloro che, credendo in me e nelle idee che da anni sostengo, voteranno per la “UNIONE DEMOCRATICA CONSUMATORI”. Chiunque volesse sostenermi, finanziare la mia campagna elettorale, darmi un aiuto, collaborare mi chiami pure al numero: 347/2763141. Gli sarò per sempre grato. 

E’ un VOTO UTILE per sostenere il cambiamento della classe politica, nel miglioramento delle condizioni di vita in questo nostro Paese, nel recupero del potere d’acquisto delle retribuzioni, nella maggiore tutela del cittadino consumatore, dei lavoratori a rischio, sul e del posto di lavoro, dei disabili e degli anziani. UNA SCOMMESSA PER IL FUTURO per una cultura del “FARE” ma nei FATTI e non solo a PAROLE al servizio del cittadino e non, invece, una delega parlamentare chiesta solo per la tutela di personali interessi opportunistici, sete di potere, culto della personalità ed egocentrismo

E’ un’occasione UNICA per dare voce a chi della coerenza tra il dire ed il fare, in politica, fa un vero VALORE. Quante le promesse fatte da tutti i partiti e mai mantenute. Quante volte si sente affermare: “Predica bene ma razzola male…” o “Fate quel che dico, non fate quel che faccio…”. Piuttosto che non votare, votate per la lista “UNIONE DEMOCRATICA CONSUMATORI”

Il programma elettorale della Lista “CITTADINI ATTIVI” e della Lista “UNIONE DEMOCRATICA CONSUMATORI” sono a Vostra disposizione e potranno, a breve, essere consultati sul nostro sito web www.cittadiniattivi.it. Per ogni vostro commento Vi invito ad utilizzare lo spazio dedicato ai commenti, su questo BLOG, in calce a questa mia nota politica.

Contiamo su di VOI! Un caro saluto ed un forte abbraccio a tutti. 

Vday

Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Sergio Resente (del 16/03/2008 @ 13:09:41, in Ambiente, linkato 1623 volte)

Il piccolo comune che finora era riuscito a salvaguardare il suo territorio dalla cementificazione ovunque imperante, piccola nicchia di verde fra comuni, come Maserà ed Albignasego dove ormai la speculazione edilizia la fa da padrone, sembra ormai soccombere al cemento: si costruisce ovunque, ovunque sorgono cantieri ed è tutto un susseguirsi di gru in movimento.

E’ stata cancellata la Commissione Edilizia che prima filtrava le concessioni a costruire, vengono tolte le prescrizioni che prima tutelavano il paesaggio, sostituendole con «indicazioni» che non tutelano più niente e quindi via a sette condomini con 50 appartamenti vicino a Via Don Torresin (altezza 9 m.), quindi altri condomini (ben 9) in Via Da Rio e di fronte alla Torre, in un territorio che fino a ieri rappresentava l’icona della dolce campagna veneta con il fiumiciattolo, gli aironi bianchi, il vasto orizzonte.

E poi una porcilaia a Carrara S.Stefano trasformata in nuove residenze per nuovi 10.000 mc con altre 50 abitazioni e quindi altri più di 10.000 mc di nuove costruzioni che andranno a fagocitare territorio agricolo in seguito alla nuova localizzazione del Palazzetto dello Sport. A questo grande attivismo urbanistico non seguono altri interventi più socialmente rilevanti.

Infatti, a distanza di sei anni dalla petizione con la quale centinaia di cittadini chiedevano urgentemente una pista ciclabile in Via Figaroli (a tutela dei numerosi bambini che quotidianamente la percorrono in bicicletta per raggiungere le scuole del paese), la ciclabile è ancora un mero progetto sulla carta: progetto era con la vecchia amministrazione, progetto ancora è rimasto con la nuova amministrazione insediata da quasi tre anni.

Ma il fiore all’occhiello della nuova urbanizzazione sono gli ampliamenti «carraresi»: un modello costruttivo peculiare della zona che trasforma, grazie ad un porticato che unisce due unità immobiliari, le nuove costruzioni in semplici «ampliamenti». Nemmeno il castello di S. Pelagio, con il suo celebre museo dell’aria è stato risparmiato da questa furia costruttiva: proprio di fronte al castello, nell’area verde che lo tutelava, proprio a celare il magnifico edificio per chi transita in autostrada, perfettamente inserito nel cono visuale del viaggiatore (e potenziale turista) qualcuno ha costruito che cosa? Ma naturalmente un bel parallelepipedo di cemento, un utilissimo ricovero attrezzi che magari, se il tempo sarà generoso, magari con qualche aiutino e con qualche condoncino potrebbe diventare, perché no, una bella villetta.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (6)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Armando Della Bella (del 16/02/2008 @ 23:18:11, in Politica, linkato 1673 volte)

Ormai il panorama politico si sta delineando in vista delle prossime elezioni politiche. Nei due schieramenti si consumano le alleanze o le separazioni non scevre da forti polemiche. La strumentale applicazione di una legge elettorale iniqua e antidemocratica, non rappresentativa della volontà popolare, ha ridisegnato un nuovo scenario politico dove, come sempre, i partiti la fanno da padrona, oggi più di ieri, più del domani. Così facendo, a piè pari, si sono evitate la riforma della legge elettorale e le forche caudine rappresentate dalla prossima consultazione referendaria. Ed i futuri candidati saranno, ancora una volta, ostaggio delle segreterie dei partiti e per nulla rappresentativi della volontà popolare….

Tutto ad un tratto, la parola “PRIMARIE” è scomparsa dall’odierno gergo politico…

E la società civile, il sano civismo, quello che non appartiene a “finte” liste civiche sottoprodotti dei partiti più grossi, che fa? I singoli cittadini, i giovani ed i meno giovani, quelli che partecipano alla plurima galassia formata dalle associazioni, dai movimenti, dal volontariato, quelli che sono mossi da un sano senso civico verso le istituzioni, quelli che non hanno tessera di partito e che operano in rappresentanza di “vere” liste civiche formate da non tesserati, quelli che ritengono che la politica vada intesa come un servizio verso il Paese e non invece finalizzata alla promozione di sé stessi, che fanno?

“E le stelle stanno a guardare…” direbbe A. Joseph Cronin. L’Italia dei Valori, con il recente accordo firmato con il Partito Democratico e la successiva promessa fatta a Veltroni di aderire, una volta nominato il Parlamento, al “gruppo unico” del PD, ha, se mantiene poi fede ad un principio di corretta coerenza politica, sostanzialmente decretato la fine della sua identità politica e del suo simbolo. Sosterrà il programma politico del Partito Democratico e ne seguirà le indicazioni politiche.

Come coordinatore della libera associazione “CITTADINI ATTIVI” ritengo che, di fronte a questo scenario politico, si aprano grandi spazi per la rappresentanza della Società Civile al di fuori della logica degli attuali partiti. Perché non provarci? Perché non dare finalmente fiato e corpo ad un nuova identità, ad una lista civica nazionale frutto della federazione tra semplici cittadini e libere forme di associazionismo-movimentismo non ideologicizzato? “CITTADINI ATTIVI” è a vostra disposizione anche per la rappresentanza territoriale.

E’ indubbio. Il nostro Paese sta soffrendo, la nostra gente soffre un lavoro precario, un costo della vita altissimo, un’insicurezza sociale ed ambientale cronica. La classe politica è in forte crisi, incapace di rinnovarsi e, ad esempio, di ridursi seriamente ed autonomamente sprechi e privilegi. C’è bisogno di qualcosa di NUOVO, ma di veramente NUOVO, non qualcosa di vecchio che si rinnova e si ricicla con una passata di bianco.

So che non è una impresa facile. Credo che comunque valga la pena di tentare con serenità e senza patemi d’animo. E’ una BUONA OCCASIONE. Con la “forza” dei calmi e di chi non fa una questione di vita o di morte l’ottenimento di uno strapuntino. “Pacatamente e serenamente” direbbe qualcuno ma forti nei principi e nei valori da sostenere. Potrebbe essere comunque l’inizio di uno splendido ed entusiasmante viaggio...

Chiunque quindi ritenga di poter condividere questa idea invii quanto prima un sms al numero 3472763141 od una e-mail all’indirizzo info@cittadiniattivi.it. Sarà successivamente contattato per i dettagli politici ed organizzativi.

Oscar Wilde affermava che “…Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea…”.

Anche noi, se lo vogliamo, ce la possiamo fare. YES, WE CAN TOO!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Muori. Così diceva un ripetuto proverbio perché dopo aver visto un posto considerato tanto bello si era visto tutto e si poteva anche passare a miglior vita…Ma all’inizio dell’estate e allo scoppiare del primo caldo torrido Napoli e la Campania si sono impossessate della cronaca a causa dell’emergenza immondizia annunciata da lontano e che nessuno ha fatto niente per evitare: migliaia di tonnellate di rifiuti abbandonate lungo le strade delle città e dei paesi campani, discariche rigurgitanti, altri siti per la “monnezza” con i paesani che si oppongono come i Sanniti ai Romani, e infine la spazzatura incendiata che libera diossina mentre perfino il presidente della Repubblica è costretto a richiamare ai propri doveri chi avrebbe dovuto provvedere per tempo e non lo ha fatto.

C’è da farsi venire un attacco di bile: perché in Italia è tutto così improbabile? Quasi niente va come dovrebbe, la noiosa normalità pare in spregio a tutti, le istituzioni e lo Stato stanno nello stellone ufficiale che accompagna il titolo di Repubblica ma assai poco nei comportamenti quotidiani, lo Stato, se mai è possibile, va ingannato e deriso, ma lo Stato siamo noi.

Intanto la monnezza inquina le falde e i terreni nella Campania felix, terra di canzoni sceneggiate e camorra, muoiono come in un orrendo presagio pecore e agnelli, animali che pascolano e stanno con il muso in terra. Non c’è che dire, è proprio una bella danza macabra, una vergogna d’altri tempi sopportata e ostentata come e più di una battaglia risorgimentale. Come andrà a finire?

Qualcuno dopo “La morte a Venezia” scriverà qualcosa del genere anche per la città del Golfo? Lo sapremo entro l’estate, ma nel frattempo, fosse anche solo per l’intenzione, sentitamente ringraziano: la Colonia Batterica del Vibrione Colerico; l’Orchestra da Camera (mortuaria) per i funerali in musica; la Società Anonima di Stoccaggio e Rilascio della Libera Diossina…

E ancora, si fregano (allegramente) le mani: la Confraternita di Utilità Sociale dei Monatti e Beccamorti integrati per il gran lavoro che si prospetta (verrà quotata in Borsa?); la Cooperativa Agroalimentare della Bufala Campana per la produzione della mozzarella da scarto di plastica, perché la mozzarella prodotta con il latte degli intelligenti bovini sarà consumabile solo a rischio e verrà eletta a cibo-roulette dagli aspiranti suicidi proprio come il pesce-palla giapponese, basta sbagliare a tagliarne una fettina e il veleno che c’è dentro si diffonde nelle fibre e ammazza all’istante lo stravagante commensale.

A chi dobbiamo dire grazie? All’ecomafia che traffica in rifiuti e li scarica in campagna, molte grazie alla classe politica che è rimasta svogliatamente alla finestra a guardare, alla goffa burocrazia e a secoli di malgoverno, l’unico che abbia retto quelle terre da Federico II (XIII secolo) a questa parte. Eh già! Si tratta pur sempre di Napoli, si dirà.

Mica vero, per un fenomeno che vede far quattrini sporchi dalla spazzatura, non occorre andar lontano, ma qui da noi, nella Bassa (sarà un caso?) Padovana, con il nostro “immondiziere”, il consorzio dei comuni, i sindaci, gli amministratori, i politici, ieri inquisiti, oggi imputati in un maxi-processo per affari illeciti lucrati sull’asporto rifiuti e pagati con i soldi di tutti. Risparmiati, per ora, i roghi delle immondizie e e le colonie di ratti sulla via della migrazione con il fagottello di cenci in spalla.

Una montagnola di quattrini su cui si sono arrampicati tutti, per poi farsi trascinare da quella cima giù in discarica, tutti dietro al locale pifferaio di Hamelin con il suo seguito di roditori, topi e tope, affamati. Che scempio!

A chi dobbiamo dire grazie? Boh, fate un po’ voi. Intanto, buone vacanze!

(da "Celeste")

Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Shorsh Surme (del 04/02/2008 @ 02:56:46, in Politica Estera, linkato 1287 volte)

Ci è voluto poco perché una manifestazioni di protesta si trasformasse in una tragedia. La manifestazione che ha dato vita agli scontri era stata organizzata per protestare contro i tagli dell'elettricità: da Shiyah, il quartiere a maggioranza sciita dove era in corso la protesta, ieri sera gli scontri si sono estesi alla zona di Al Rihab, Qafaat, Mar Elias.

Tutto ha avuto inizio intorno alle 16 ora locale, quando alcune decine di dimostranti hanno bloccato la circolazione all'incrocio nei pressi della chiesa cristiano-maronita di Mar Mikhael, nel quartiere di Shiyah. I soldati sono intervenuti per disperdere i manifestanti, ma la situazione è rapidamente degenerata e ha avuto inizio la sparatoria. L'esercito ha operato numerosi arresti, ma - non appena si è diffusa la notizia che tra i morti c'era un militante di Amal, maggior gruppo sciita dopo Hizbollah - altre centinaia di giovani dimostranti hanno cominciato ad accorrere e i soldati hanno preferito ritirarsi dalla zona degli scontri.

Dicevamo che è bastato poco per far esplodere la tensione e la rabbia che il popolo libanese ha accumulato in questi mesi nei confronti dei partiti politici che hanno portato il paese in una crisi politica ed istituzionale profonda, che non sarà risolta a breve termine. La ragione principale sta nel fatto che l'elezione del presidente libanese non è una questione esclusivamente libanese. Numerose potenze estere vogliono dire la loro, in primis la Siria, poiché quest'ultima guarda agli sviluppi in Libano come ad una questione di vita o di morte.

A torto o a ragione, la Siria sente la necessità di esercitare il proprio potere di veto nella scelta del presidente libanese. Sicuramente giungere ad un accordo fra i partiti e le confessioni religiose non è un compito facile, e richiederà probabilmente ancora del tempo. Il segretario generale della Lega Araba, Amr Moussa, ha dato fondo a tutte le sue energie nel tentativo di mediare tra le fazioni libanesi rivali ed i loro sostenitori esterni, finora senza successo.

Queste potenze esterne includono paesi rivali come l'Arabia Saudita e l'Iran, ma anche l'Egitto, la Francia, gli Stati Uniti, e perfino Israele (che opera attraverso gli Stati Uniti). In ogni caso, nel contesto libanese, il più importante di questi attori esterni è la Siria.

Si dice a Damasco che il presidente Bashar al-Assad avrebbe chiesto ad Amr Moussa di recarsi a Riyadh al fine di trasmettere un messaggio di riconciliazione al re Abdallah dell'Arabia Saudita. Secondo alcune fonti, il presidente al-Assad avrebbe anche affermato che non farà un passo senza essersi assicurato in precedenza l'appoggio saudita. Se queste voci fossero confermate, potrebbero essere indice di una distensione nei rapporti interarabi - e dunque della speranza di una soluzione in Libano.

Al-Assad, partecipando al vertice arabo di Riyadh nel marzo del 2007, aveva discusso a lungo con il re Abdallah. Il Libano era stato l'argomento principale allora, così come lo è adesso. Una distensione fra Damasco e Riyadh è assolutamente necessaria, poiché l'attuale freddezza, che rasenta l'ostilità, è uno dei principali impedimenti al raggiungimento di un compromesso libanese.

Il ricordo della guerra civile che sconvolse il Libano e che durò più di 15 anni è ancora vivo nella mente della popolazione, che ha paura di un'altra guerra settaria. Anche la chiesa cattolico-maronita libanese ha chiesto dal canto suo la convocazione urgente del Consiglio di Sicurezza dall'Onu per scongiurare un "bagno di sangue".

Quasi tre anni fa, i Libanesi credevano fosse finalmente giunta l'ora della pace: con il ritiro delle truppe siriane, nell'aprile 2005, il Paese si sbarazzò di una tutela a dir poco invadente, o almeno questo era ciò che si pensava. I suoi dirigenti, apparentemente abbandonate le proprie velleità settarie, si dissero pronti a costruire uno Stato di diritto. La speranza era immensa, tutto era deciso ed i Libanesi credettero che il peggio fosse passato.

Una reale ripresa del Libano non sembrerebbe possibile se non a condizione di una riforma strutturale interna ed una neutralizzazione dei fattori esterni, come l'Iran di Ahmadinejad e la Siria di Assad.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Armando Della Bella (del 04/01/2008 @ 01:04:15, in Editoriali, linkato 1466 volte)

Ci ha lasciato Angelo Morini o forse, per meglio dire, ha deciso di lasciarci. Volto storico del giornalismo italiano e noto anchorman di CANALE ITALIA, mentre i primi fiocchi bianchi di neve cadevano dal cielo, Lui, improvvisamente, ha deciso di ritornarvi, così in silenzio, in punta di piedi, senza disturbare...

Per tanti di noi era più di un amico, più di un fratello. Nativo di Pisa, aveva vissuto a lungo a Firenze. Era un “toscanaccio” di quelli veri, veraci. Giornalista inflessibile, sempre al di sopra delle parti, mai di parte, conduceva i suoi talk show con competenza e professionalità. Sapeva far sintesi delle opinioni espresse ed evidenziarne i lati deboli.

Il suo era un giornalismo di opinione, all’americana, fatto di espressioni brevi, sintetiche, ma dense di significato. Mai chiacchiericcio. Odiava la polemica, soprattutto se fine a sé stessa. Mai si sarebbe prestato alla cosiddetta “TV spazzatura”. Un giornalismo di stile, signorile, mai irriverente e neppure accondiscendente verso il potere, votato alla ricerca della verità, per servire il suo pubblico. La piaggeria era l’unico vocabolo a Lui sconosciuto, a Lui che con lo “italo verbo” sapeva giocare e pungere assai.

In Lui, nel suo modo di essere, si mescolavano i tratti e le qualità di personaggi del calibro di Indro Montanelli, Sandro Paternostro, Roberto Benigni e l’Ugo Tognazzi, protagonista, con la famosa “supercazzola”, del film “Amici Miei” di Mario Monicelli. Sì perché, da buon “toscanaccio”, una qualità non gli faceva difetto: l’ironia. Una vena ironica che utilizzava, nel suo essere e fare il giornalista, per raggiungere, con tatto, la verità, per evidenziare le contraddizioni, per smascherare le bugie. Un’ironia bonaria, densa di umorismo ma sempre rispettosa della persona.

Era una persona molto buona, umile e sensibile, dotato di sana onestà intellettuale, sempre pronto all’ascolto, al servizio, alla collaborazione. Il sorriso era sempre il suo saluto anche se la vita gli aveva arrecato tormenti e sofferenze. Il suo essere giornalista e, quindi, attento cronista del mondo, lo portava, spesso, a dar voce alle minoranze ed ai più deboli, lo portava ad essere strenuo difensore del pluralismo, soprattutto nell’informazione.

Oggi ho perso un amico, un carissimo amico, un fratello. Un “toscanaccio” che non ha saputo, o voluto, rinunciare alla sua ultima “bischerata”.

Ciao Angelo!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Cittadini Attivi (del 02/01/2008 @ 02:13:35, in Ambiente, linkato 2078 volte)

E’ assolutamente inaudito quello che si sta verificando in queste ultime settimane nella città partenopea ed in provincia. Cumuli e cumuli di spazzatura invadono la città deturpandola mostruosamente: il gioiello che ha fatto la storia d’Italia è diventata una discarica a cielo aperto.

Ormai non si contano più i chilometri e chilometri di spazzatura ammassati sui bordi dei marciapiedi, e non solo sui marciapiedi. Si elevano anche in altezza arrivando fino ai primi piani dei palazzi. I cittadini sono arrivati al limite della sopportazione, ci sono proteste ovunque e scontri anche con le forze dell’ordine, e, come se non bastasse, le precarie condizioni igieniche fanno il resto. L’aria è irrespirabile, i topi sono dappertutto, gli incendi hanno fatto diventare tutta la provincia di Napoli una bomba batteriologica.

La raccolta differenziata, nella maggior parte dei casi, non viene effettuata e questo rende il tutto ancora più difficile, non potendo o facendo fatica a riciclare quello che è possibile riciclare. Certo è che se pensiamo che nella zona di Avellino c’è una discarica a cielo aperto dove i rifiuti sono stati addirittura seppelliti sottoterra, è quanto dire.

Ovviamente per fare le operazioni di ammodernamento servono i finanziamenti, già… i soldi! Ma i fondi che lo Stato elargisce a ciclo continuo, che fine fanno? Che cosa sta succedendo? Dove sono gli Enti preposti alla salvaguardia del territorio? Regione, Provincia, Comune, restano a guardare questo scempio senza fare nulla? Ma perché succede sempre a Napoli? Quali arcani misteri si celano dietro a questo enorme scandalo?

Forse troppi sono gli interessi che circolano intorno a questo annoso problema che probabilmente non si vuole risolvere. E’ sempre la solita storia: i soliti furbi mettono in tasca il proprio tornaconto ed il territorio viene lasciato nell’incuria più totale facendo finta di niente. La prova è che nessuno finora ha agito in modo deciso, e noi, “CITTADINI ITALIANI”, che paghiamo le tasse più care d’Europa rimaniamo esterrefatti ed impotenti davanti a situazioni da terzo mondo. Se è così che si governa il bene pubblico, allora teniamoci pure la “monnezza”!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8
Ci sono  persone collegate

< giugno 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
         
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (5)
Consumatori (2)
Costituzione (1)
Diritti Civili (5)
Economia (2)
Editoriali (1)
Elezioni (2)
Giustizia (1)
Informazione (4)
Infrastrutture (1)
Lavoro (1)
Personaggi (1)
Politica (11)
Politica Estera (11)
Pubblica Amministrazione (3)
Questione Morale (8)
Salute (2)
Sanità (4)
Sicurezza (4)
Sociale (1)
Sprechi e Privilegi (8)
Trasporti (1)

Catalogati per mese:
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Cialis
07/01/2020 @ 23:03:46
Di Barrett
Sono uno zoller domenicano uno stesso di...
11/10/2019 @ 02:08:17
Di dominique
https://followers-like.com
04/10/2018 @ 09:51:32
Di mina
_ialis
15/09/2018 @ 12:34:30
Di Dustin
Dopo aver autonomamente meditato e compi...
25/02/2018 @ 23:34:22
Di Umberto GATTO

Titolo
Politica (5)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Rispetto al periodo di "Mani Pulite" di oltre quindi anni fa, ritieni che, oggi, nel nostro Paese, il livello di corruzione sia più o meno elevato?

 Sì, nettamente più elevato
 Sì, abbastanza più elevato
 Uguale
 No, leggermente inferiore
 No, decisamente inferiore
 Non esiste la corruzione
 La cosa non mi preoccupa
 Non so fare una valutazione

Titolo

Logo ufficiale

Petizione per l'abbattimento dei costi e dei privilegi della classe politica

Listening...Musica...

Reading...Libri...

 

Damiano Fusaro

Bernardo il figlio della luna

 

Oliviero Beha - Italiopoli

 

 

Carlo Manfio - Frammenti d'amore

 

 

Gian Antonio Stella, Sergio Rizzo - La Casta

 

Elio Veltri, Francesco Paola

Il Governo dei conflitti

 

Roberto Saviano

Gomorra. Viaggio nell'impero economico e nel sogno di dominio della camorra

 

Gianni Barbacetto, Peter Gomez, Marco Travaglio

Mani Sporche

 

Bruno Tinti - Toghe Rotte

 

Gian Antonio Stella - Avanti Popolo

Watching...Film... 

Al Gore - Una scomoda verità





03/06/2020 @ 20.57.15
script eseguito in 172 ms